Arriva la detenzione militare a tempo indeterminato

New York. Con un voto sorprendentemente trasversale, la Camera degli Stati Uniti ha approvato la legge di bilancio della Difesa da 662 miliardi di dollari che prevede la detenzione militare a tempo indeterminato di tutti coloro sospettati di terrorismo, con l’eccezione dei cittadini americani. Dopo le polemiche dei giorni passati, che avevano spinto Barack Obama a minacciare il ricorso al veto presidenziale, la legge è stata approvata con alcune modifiche che introdurranno cambiamenti meno radicali rispetto alla prima proposta. Con 283 voti favorevoli e 136 contrari e i democratici spaccati in due, la Camera ha dato dunque l’ok alla legge che passerà ora al Senato, dove una versione precedente era stata approvata con 93 voti favorevoli e 7 contrari. L’appoggio di Obama al National Defense Authorization Act, che farà risparmiare 43 miliardi di dollari, è arrivato a poche ore dal voto, facilitandone così il passaggio. “Abbiamo concluso”, ha spiegato la Casa Bianca in un comunicato, “che il linguaggio non mette in discussione né limita l’autorità del presidente”. Ritirata la minaccia di veto, la legge è stata approvata dalla Camera e darà all’esercito un ruolo centrale nei casi di terrorismo sul suolo americano, lasciando al presidente la facoltà di attuare il nuovo regolamento e il potere di sospendere immediatamente la custodia militare, potere che in prima battuta era stato attribuito al Segretario alla Difesa. Le modifiche apportate, ritenute soddisfacenti dalla Casa Bianca, hanno incontrato la forte opposizione dei gruppi per la tutela delle libertà civili, che ritengono che la misura violi i diritti fondamentali americani. “Firmando questa legge di bilancio il presidente Obama passerà alla storia come quello che ha avvallato la detenzione a tempo indeterminato senza processo”, ha spiegato Kenneth Roth direttore di Human Rights Watch. Contro la legge si sono schierati sia l’ala sinistra del partito democratico che le frange più conservatrici di quello repubblicano, Tea Party compresi. Grande soddisfazione è stata espressa dal repubblicano Buck McKeon, presidente della commissione Servizi Armati della Camera. “Come combattiamo i terroristi in tutto il mondo, abbiamo protetto le libertà civili degli americani”, ha spiegato in un comunicato pochi minuti dopo il voto confermando inoltre che “le nuove misure non prevedono la detenzione di cittadini americani”. Nei giorni passati anche l’Fbi si era schierata con la Casa Bianca. Il direttore dell’agenzia Robert Mueller aveva spiegato alla commissione giustizia del Senato come questa legge avrebbe potuto creare confusione fra l’Fbi e l’esercito. Forte era stata anche l’opposizione del Dipartimento di Giustizia, del Pentagono e di tutte le agenzie d’intelligence americane, tutti convinti che la legge potrebbe interferire con il lavoro dell’antiterrorismo. “Se il presidente Obama firmerà questa legge”, ha commentato Laura Murphy, direttore di  American Civil Liberties Union, “danneggerà la sua immagine e la reputazione degli Stati Uniti. L’ultima volta che il Congresso passò una legge che prevedeva la detenzione a tempo indeterminato fu durante l’era McCarthy e il presidente Truman ebbe il coraggio di apporre il veto”. Per quanto riguarda le altre questioni affrontate, la legge autorizza finanziamenti per le guerre di Iraq e Afghanistan e congela 700 milioni di dollari destinati al Pakistan. Per l’Iran sono previste invece nuove sanzioni, che colpiranno la banca centrale di Teheran. Misure su cui la Casa Bianca aveva espresso dubbi e che il presidente Obama avrà la possibilità di sospendere per questioni di sicurezza nazionale.

Il Manifesto, 16 dicembre 2011

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Il Manifesto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...