Columbus. Dopo due mesi di battaglie elettorali, ieri è finalmente arrivato il grande giorno del Super Tuesday.  Dieci stati si sono presentati alle urne, assegnando quasi il 20 per cento dei 1.144 delegati necessari per ottenere la nomination alla convention di Tampa di agosto. Lo stato più importante a votare è stato l’Ohio, terra di mezzo fra il nord industriale e il midwest rurale, dove si assegnavano 66 delegati e dove i due principali sfidanti, Rick Santorum e Mitt Romney, si sono dati battaglia negli ultimi giorni di campagna elettorale. Lunedì mattina l’ex senatore della Pennsylvania ha tenuto un comizio molto ispirato alla Dayton Christian School di Miamisburg. Introdotto da una preghiera collettiva, Santorum, che si propone come la scelta pura e conservatrice, ha sottolineato come “essere americani sia un’idea”. Le sue parole sono state accolte da un lungo applauso e dal coro “U-s-a, U-s-a”, lo stesso scandito qualche ora più tardi al comizio a Zanesburg del grande favorito per la vittoria finale, quel Romney che sembrava caduto in disgrazia a metà febbraio ma che ha recuperato alla grande vincendo quattro primarie di fila, a cominciare da quella fondamentale in Michigan, lo Stato dove è nato e che sembrava aver ceduto al senatore italoamericano. Dopo essere stato in svantaggio in tutti i sondaggi per due settimane, proprio nelle ultime ore prima del voto l’ex governatore del Massachusetts ha prima agganciato e poi sorpassato Santorum secondo numerosi rilevamenti. La partita dell’Ohio era comunque troppo combattuta per essere assegnata a uno dei due sfidanti, ma la rimonta di Romney ne ha evidenziato la solidità della candidatura. Al sud si è tornato invece per la prima volta a parlare di Newt Gingrich, che dopo la sorprendente e vittoria in South Carolina di metà gennaio era completamente uscito di scena. In Georgia, il suo Stato, era saldamente al comando. Santorum invece aveva un piccolo vantaggio in Tennessee ed era molto più tranquillo in Oklahoma, doveva sembrava aver già vinto già prima dell’apertura delle urne. Oltre al Vermont, alla Virginia e all’Ohio, Romney aveva un larghissimo vantaggio in Massachusetts, dove è stato governatore e dove ha organizzato la sua festa elettorale ieri notte, volando verso Boston a ora di pranzo. Mentre Gingrich ha scelto il suo feudo in Georgia e Ron Paul, la cui candidatura è ormai più che altro di disturbo, ha atteso i risultati passando la giornata fra Idaho e North Dakota, Santorum ha organizzato il suo party a Steubenville, una cittadina di 20.000 abitanti al confine con la Pennsylvania dove nacque Dean Martin. Quando questo giornale è andato in stampa i risultati non erano ancora stati resi noti, ma molti degli stati sembravano comunque già decisi. La Georgia, che assegnava 76 delegati, era in mano a Gingrich, come l’Oklahoma, 40 delegati, era praticamente assegnata a Santorum e in Massachusetts, 38 delegati, l’unico dubbio era la misura della vittoria di Romney. Diverso il discorso per l’Ohio, Stato in bilico spesso decisivo a novembre che anche questa volta ha rispettato la sua tradizione rimanendo diviso fra il moderato Romney e il sanguigno Santorum, le cui parole fanno sempre molto presa sulla base conservatrice del partito. In Tennessee, 55 delegati, Santorum sembrava in grado di assicurarsi una vittoria di misura, mentre in Virginia, 46 delegati, e Vermont, 17, Romney era saldamente in vantaggio, come in Idaho, stato con una nutrita rappresentanza mormone che assegnava 32 delegati. Il North Dakota, che ieri non assegnava delegati, sembrava poter riservare sorprese tuttavia ininfluenti, mentre nei caucus dell’Alaska, dove si votava a tarda notte quando erano già usciti i risultati degli altri stati, e che assegnavano 27 delegati, potrebbe essere successo di tutto. La vittoria ottenuta in Michigan e Arizona il 28 febbraio ha comunque consolidato la posizione di Romney, che si è presentato ieri alle urne a Boston, ai seggi di Beech Street, con la certezza che anche una brutta nottata non avrebbe di fatto scalfito le sue possibilità di ottenere la nomination. La candidatura di Santorum, che puntava ad allineare alle sue spalle il voto conservatore, ha subito invece un duro colpo proprio nelle campagne del Michigan, quando perse il voto dei cattolici, i suoi maggiori sostenitori, per una battuta infelice su John Kennedy.

Il Manifesto, 7 marzo 2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...