La Fifa multa cinque Paesi per cori anti-gay. Maradona si scaglia contro Platini e Blatter

La Fifa ha multato cinque Paesi per i cori anti-gay intonati dai tifosi in occasione di incontri delle rispettive nazionali: Argentina, Cile, Messico, Perù e Uruguay. I cori «insultanti e discriminatori» — come ha spiegato la Fifa — sono avvenuti durante partite delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La multa più salata ha colpito il Cile (64 mila euro) per il ripetersi degli episodi in quattro diversi match. Argentina, Messico, Perù ed Uruguay dovranno pagare invece 18 mila euro. Per lo stesso motivo è in corso un’indagine sulla Federcalcio dell’Honduras.

Anche la Fifa è stata colpita a sua volta da una «denuncia»: l’autore è Diego Armando Maradona, che si è fatto fotografare su Instagram con una maglietta con la scritta «due ladri» e le fotografie di Michel Platini e Sepp Blatter (rispettivamente ex presidenti di Uefa e Fifa). La didascalia pubblicata dal giornalista argentino Daniel Arcucci, autore dello scatto, ricorda che Maradona «sono venticinque anni che glielo dice in faccia». Nei mesi scorsi, Platini e Blatter sono finiti al centro di un’inchiesta penale per corruzione, sono stati sospesi per otto anni dal comitato etico della Fifa e rischiano la radiazione.

Corriere della Sera, 13 gennaio 2016 (digital edition)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Corriere della Sera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...