Una cucina italiana per cui varrebbe la pena andare in galera: una recensione di InGalera, ristorante del carcere di Bollate

InGalera è il ristorante che si trova all’interno del carcere di Bollate, un penitenziario di media sicurezza con 1.100 detenuti: i camerieri, i lavapiatti e i cuochi sono tutti stati condannati per omicidio, rapina a mano armata, traffico di droga e altri crimini. Eppure, racconta il New York Times, è quasi impossibile trovare posto per tutto il mese di marzo, e le elite milanesi non perdono l’occasione di farsi vedere: nelle ultime settimane sono passati fra gli altri un ex presidente di banca e una miss Italia. «È difficile immaginare una storia di successo culinario meno probabile di InGalera, o un esperimento di riabilitazione dei detenuti più intrigante», scrive il Times. «In pochi penserebbero al carcere per un’uscita serale, ma la novità dell’esperienza ha attecchito, ed è anche diventata uno strumento di marketing».

Corriere della Sera, 7 marzo 2016

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Corriere della Sera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...