Una professoressa italiana fa causa a Columbia: l’università non l’ha protetta in un caso di molestie sessuali

Una professoressa associata italiana della Columbia University ha fatto causa all’ateneo newyorkese, sostenendo che la scuola —sminuendo e rigettando la sua denuncia di molestie sessuali nei confronti di un collega maschio — avrebbe violato le leggi federali sull’uguaglianza dei sessi. La professoressa Enrichetta Ravina insegna finanza ed economia e la sua denuncia ha scosso il mondo accademico newyorkese: oltre a una serie di comportamenti sessualmente inappropriati, il professor Geert Bekaert — che in una dichiarazione a Buzzfeed smentisce categoricamente — le avrebbe infatti impedito di avere accesso a dei dati fondamentali, rallentando in modo drastico la sua ricerca e le sue possibilità di ottenere la cattedra. Per questo ha chiesto un risarcimento di 20 milioni di dollari e la possibilità di presentare il proprio lavoro nel 2018. L’università si rifiuta di commentare una causa in corsa, il professor Bekaert smentisce, ma il sito diretto da Ben Smith ha pubblicato le carte del procedimento legale.

Corriere della Sera, 25 marzo 2016 (digital edition)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Corriere della Sera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...