Chi è Jared Kushner, genero e arma segreta di Donald Trump? L’ascesa di un ragazzo del New Jersey che punta la Casa Bianca

Si parla spesso della famiglia di Donald Trump, tralasciando però Jared Kushner, 35 anni, marito di Ivanka e genero del candidato repubblicano. A torto, spiega in un lungo profilo Bloomberg Businessweek, perché l’ambizioso Kushner è quello che più di tutti nel clan Trump è interessato all’ascesa politica del suocero. Ed è grazie a lui, fra l’altro, che Trump può vantarsi di avere nipotini ebrei: un modo inconsueto per dimostrare il proprio sostegno a Israele. Laureato ad Harvard, Kushner ha iniziato a lavorare in New Jersey nel 2004, quando aveva 23 anni, nella società immobiliare di famiglia. Suo padre Charles, munifico donatore del partito democratico, si era appena dichiarato colpevole di frode fiscale e altri reati e il figlio cominciò a prendere decisioni importanti, spostando il focus verso New York: in meno di un decennio ha acquistato proprietà per quasi 7 miliardi in città, e ha comprato il New York Observer, settimanale tanto influente quanto in perdita. Sapeva che per diventare importante doveva lasciare il New Jersey e puntare New York, scrive l’Observer. Chi lo conosce parla di modi impeccabili, di un ragazzo che non perde mai la calma. E anche quando nel 2008 un investimento azzardato rischiò di mandarlo all’aria, Kushner non si agitò: negoziò senza avvocati, riuscì a salvarsi e da allora evita mosse avventate e lavora insieme ad alcuni partner. Nel frattempo ha cominciato a proteggere il suocero: nel 2013 il procuratore generale di New York Eric Schneiderman aprì un’inchiesta sulla Trump University, e l’Observer sostenne che stesse solamente usando la propria posizione per lanciarsi in politica e correre da governatore. Un profilo che nessuno ha contestato, sostiene Kushner. Una storia così falsa che non valeva neanche la pena replicare, commentò all’epoca l’ufficio di Schneiderman. Eppure, secondo alcune fonti di Bloomberg Businessweek, Kushner è un Jack Kennedy contemporaneo: il figlio attraente di una ricca famiglia con qualità per diventare una forza influente dietro le quinte di Washington, nonché un potenziale candidato a ruoli politici. Non è chiaro se sostenga le idee del suocero, ma sicuramente sta lavorando per farlo eleggere.

APPROFONDIMENTI:

 

Corriere della Sera, 6 maggio 2016 (rassegna stampa)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Corriere della Sera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...