Trump si ritira dagli accordi di Parigi, ma gli effetti del cambiamento climatico coinvolgono anche l’economia americana. Fra gennaio e settembre 2019 i pescatori del Maine hanno catturato meno di 22 mila tonnellate di aragoste. Lo ha reso noto nei giorni scorsi il commissario del Dipartimento delle risorse marine del Maine Pat Keliher, specificando che si tratta di un calo del 40% rispetto al 2018 – quando erano stati 54 mila tonnellate – e del 38% sulla media degli ultimi cinque anni. Keliher ha provato a rassicurare l’American Lobster Management Board, specificando che questo declino potrebbe dipendere (almeno in parte) da un ritardo nella muta delle aragoste: il periodo varia ogni anno, ma in genere avviene a luglio e dopo un mese per i pescatori si raggiunge il picco della stagione.

Perché è importante: Stiamo parlando di un’industria che genera 1,5 miliardi di dollari all’anno per il Maine, anche grazie al commercio internazionale (già colpito dalla risposta cinese ai dazi di Trump). Da tempo però gli scienziati mettono in guardia i pescatori del New England sul cambiamento climatico: il golfo del Maine si sta surriscaldando più rapidamente del resto dell’Oceano Atlantico e questo potrebbe influire sulla pesca già nei prossimi cinque anni. Insomma, l’acqua sta diventando troppo calda e le aragoste migrano verso nord. In questi giorni a Portland centinaia di esperti ne stanno discutendo al Gulf of Maine 2050 International Symposium, un incontro sulla «resilienza climatica» in programma dal 4 all’8 novembre. «Le migrazioni delle aragoste sono un chiaro segnale del cambiamento climatico», scrive nel libro The Last Lobster Christopher White. «Risalgono verso Nord a una velocita compresa fra i 5 e i 7 chilometri all’anno, fanno quasi 350 chilometri negli ultimi cinquant’anni: a questo ritmo fra il 2036 e il 2046 la maggior parte della aragoste americane potrebbe già risiedere in Canada».

Corriere della Sera, 7 novembre 2019 (newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...