Un anno fa Alexandria Ocasio-Cortez entrava in Congresso diventando a 29 anni la più giovane parlamentare della storia americana. Questo ormai lo sanno tutti. Forse però non tutti sono a conoscenza dell’impatto sensazionale che la deputata newyorkese – ormai trentenne – ha avuto sul Partito democratico e sulla politica americana.

Come racconta la storia di copertina del New York Magazine, nel suo primo anno a Capitol Hill AOC non ha solo influenzato l’agenda del partito e resuscitato la campagna presidenziale di Bernie Sanders: è diventata un fenomeno culturale, è maturata politicamente ed è ora uno dei politici più influenti del Paese, ma è anche il nemico giurato per il presidente Donald Trump e – di conseguenza – la donna più odiata d’America (parole sue).

Il suo primo anno. AOC ha sviluppato un grande potere – è il quarto politico più twittato al mondo – che sta usando per attirare i giovani verso la politica rendendola pop e accessibile, anche trasformando un’udienza parlamentare uno spettacolo degno di essere guardato in tv (più o meno tutti la hanno vista «grigliare» Mark Zuckerberg). Per farlo sta provando a cambiare il partito dall’interno, aprendolo a volti nuovi e spostandolo un po’ più a sinistra – dal celebre Green New Deal alla battaglia contro Amazon – in un Paese in cui i giovani fra i 18 e i 24 preferiscono il socialismo al capitalismo.

Il futuro a lungo termine. C’è già chi specula sulla sua candidatura alla presidenza nel 2024 o nel 2028, AOC invece dice di non pensare alla propria «conservazione politica», ma di voler cambiare l’approccio alla vita pubblica. Ha cominciato istituendo un ufficio che servirà a fare «educazione politica», una sorta di «Ted Talks per attivisti» che durerà fino a novembre. Da barista a deputata, la più giovane deputata ha scommesso sull’anima del partito democratico e si è trasformata in un simbolo: di speranza (a sinistra) o di paura (a destra).

Corriere della Sera, 7 gennaio 2020 (newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...