L’esclamazione «Ok boomer», ormai lo sapete, è un tormentone: negli Stati Uniti, ma anche per noi di AmericaCina. Nata su TikTok come risposta di millennial e generazione Z (i nati fra gli anni Ottanta e l’inizio del nuovo millennio) al paternalismo dei Baby Boomer (i nati fra il 1946 e il 1964), l’affermazione è transitata dai social alle scuole, è diventata merchandising ed è finita sul New York Times, poi è arrivata fino al parlamento della Nuova Zelanda. Ieri, infine, è entrata per la prima volta alla Corte Suprema degli Stati Uniti, quando il chief justice John Roberts – ascoltando un caso di discriminazione basata sull’età – ha domandato all’avvocato, fra le risate dell’aula: «Dire ok boomer a qualcuno durante un colloquio è perseguibile?».

«Chiamare boomer qualcuno sul posto di lavoro o dire cose negative sulla sua età quando sta facendo un colloquio, beh, sicuramente sì», ha risposto l’avvocato Roman Martinez, 42 anni, che nel caso Babb v. Walkie rappresenta Norris Babb, una donna che aveva poco più di 50 anni quando – sostiene – le fu negata una promozione dal dipartimento degli Affari per i Veterani a causa dell’età e del genere. «Quindi chiamare qualcuno boomer durante un colloquio è perseguibile?», ha ribattuto Roberts (a sua volta un boomer).

«Se chi decide è seduto a un tavolo e dice: “Abbiamo il candidato A, che ha 35 anni, e poi il candidato B, che ne ha 55 ed è un boomer, e probabilmente è stanco e non sa usare bene il computer”, penso che sia assolutamente perseguibile», ha risposto l’avvocato, senza che il presidente dell’istituzione più boomer che c’è, come l’ha definita Vice News, ribattesse. «Se quella frase finora era stata un’arma in mano ai giovani nello scontro generazionale – ha scritto il sito – «il giudice Roberts ha rubato le munizioni e ucciso il meme».

Corriere della Sera, 17 gennaio 2020 (newsletter AmericaCina)

Un pensiero riguardo “Ok Boomer alla Corte Suprema

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...