La mascherina è diventata il simbolo dell’ultima guerra culturale fra democratici e repubblicani, quella sulla risposta alla pandemia. Se la sinistra ha preferito infatti sacrificare le libertà personali per limitare la diffusione del coronavirus, la destra si è scissa e gli ultraconservatori – con il potente megafono di Fox News e dei social media – si sono battuti per difenderle, perché su quelle libertà si fondano gli Stati Uniti: quella di lavorare, ad esempio, ma anche quelle di muoversi, o di scegliere cosa indossare. A cominciare appunto dalla mascherina, che è diventata così l’immagine di una polarizzazione politica e culturale tanto selvaggia da non risparmiare neanche la salute.

Per i progressisti, la mascherina è un segnale che chi la indossa prende seriamente la minaccia del coronavirus ed è disposto a fare sacrifici personali per salvare vite. Per i conservatori è invece un simbolo della reazione eccessiva al virus, come hanno dimostrato anche le proteste armate contro il lockdown in Michigan, o quelle organizzate dal principale gruppo no vax della California a Sacramento. Tutte rigorosamente senza mascherina.

La frattura, scrive Ryan Lizza su Politico, è diventata evidente con l’ormai celebre visita senza mascherina del vicepresidente Mike Pence alla Mayo Clinic di Rochester, Minnesota: a sinistra è stato attaccato per aver dato un pessimo messaggio, mentre la destra ha usato l’ossessione per la mascherina come esempio dello Stato balia contro cui si batte.

Del resto, è il messaggio che arriva dalla Casa Bianca. Un mese fa, quando i Centers for Disease Control and Prevention avevano raccomandato agli americani di coprirsi il volto, il primo a ribellarsi era stato proprio Donald Trump, che aveva declassato l’indicazione delle autorità sanitarie a «volontarie». Nei giorni successivi, sia Melania che Ivanka Trump avevano però promosso l’uso sui social l’importanza di coprirsi il volto, rendendo evidente la spaccatura del mondo conservatore.

Corriere della Sera, 4 maggio 2020 (Newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...