Oltre al primo factchecking sulle dichiarazioni di Trump, c’è un altro caso su cui, da settimane, Twitter sta invece facendo finta di niente, evitando di smentire una teoria cospirativa senza basi né prove che Trump alimenta dal suo pulpito prediletto. Il presidente ha sostenuto infatti che il celebre presentatore di Msnbc Joe Scarborough, ex deputato repubblicano della Florida, abbia ucciso una sua stagista, Lori Klausutis, nel 2001. La ragazza, che all’epoca aveva 28 anni, morì a causa di un’aritmia cardiaca in un ufficio di Scarborough in Florida mentre lui era a Washington: batté la testa su una scrivania e fu ritrovata soltanto il mattino dopo. Alcuni siti di estrema sinistra sostennero per un po’ il coinvolgimento del deputato, che fu però totalmente scagionato dall’autopsia e, ovviamente, dalla sua presenza nella capitale. «Quando riapriranno il caso su quel pazzo di Joe Scarborough? L’ha fatta franca dopo un omicidio? Qualcuno crede di sì», continua a ripetere Trump, che non ha perdonato al presentatore — un tempo suo amico — di avergli voltato le spalle e di criticarlo apertamente in tv.

A farlo smettere non è servita neanche la lettera che l’ex marito di Klausutis, Timothy, ha inviato all’amministratore delegato di Twitter Jack Dorsey chiedendo di rimuovere i tweet del presidente che infangano la memoria della moglie e gli impediscono di andare avanti con la propria vita: «Vi chiedo di intervenire perché il presidente degli Stati Uniti si è preso qualcosa che non gli appartiene, il ricordo di mia moglie, e l’ha alterato per un presunto guadagno politico», ha scritto Klausutis nella lettera, pubblicata anche dal New York Times. Twitter si è scusata, ma ha respinto la richiesta sostenendo che le parole del presidente non violano i termini della piattaforma. Trump, invece, non ha espresso rimorsi: parlando ieri pomeriggio dal giardino delle Rose della Casa Bianca ha anzi sminuito le richieste del signor Klausutis, confermando di ritenere la questione «molto sospetta» e di sperare che qualcuno «vada a fondo».

Corriere della Sera, 27 maggio 2020 (Newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...