La sindaca di Atlanta Keisha Lance Bottoms ha diramato ieri un ordine esecutivo per riformare la polizia cittadina, anticipando di qualche ora il piano di Trump. Dopo l’omicidio di Rayshard Brooks, il 27enne colpito alle spalle dagli spari di un poliziotto bianco nel parcheggio di un ristorante Wendy’s venerdì notte, la capitale della Georgia era stata travolta dalle proteste, culminate ieri con una marcia pacifica di migliaia di persone, fra cui figuravano artisti e sportivi di fama nazionale. «Vorrei morire da uomo nero», ha detto con commozione Lloyd Pierce, allenatore afroamericano degli Hawks, squadra di basket cittadina, «ma non voglio morire perché sono un uomo nero». Le sue parole raccolgono la rabbia che ribolle in città, accentuata dalla struggente conferenza stampa tenuta sempre nella mattina di ieri dalla famiglia di Brooks.

In questo contesto di dolore, la sindaca afroamericana è riuscita a emergere – come raccontavano ieri sia Giuseppe Sarcina che Marilisa Palumbo – come il personaggio positivo di una vicenda drammatica, finendo persino nella short list di Biden per la vicepresidenza: ha subito preso posizione contro l’agente trattenendo a stento le lacrime, ha sostenuto i manifestanti, condannato i saccheggi, tenuto testa al presidente e avviato un dialogo con le forze dell’ordine che ha portato alla riforma annunciata ieri.

Gli oltre 2 mila agenti cittadini saranno obbligati a usare tecniche di de-escalation prima di usare la forza, ha annunciato Lance Bottoms, e saranno «obbligati a intercedere» qualora vedessero un collega che applica comportamenti violenti in modo ingiustificato. Anche per difendere se stessi e terzi, gli agenti dovranno usare una «forza oggettivamente ragionevole». Poi, parlando dei manifestanti, ha aggiunto: «Provo la stessa rabbia e frustrazione. La differenza è che sto usando il mio ruolo di sindaco per mettere in atto un cambiamento duraturo in questa città».

Corriere della Sera, 16 giugno 2020 (Newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...