L’amministrazione Trump ha fatto un passo indietro, ascoltando l’opposizione serrata delle università americane, della Silicon Valley e di 20 stati che si sono scagliati legalmente contro la decisione di annullare i visti per gli studenti stranieri che a settembre, in mezzo alla pandemia, non andranno fisicamente in aula.

Il piano della Casa Bianca prevedeva il rimpatrio forzato per gli studenti che non si fossero presentati alle lezioni, una decisione che avrebbe mandato in crisi il sistema universitario americano – che dalle rette riceve un enorme flusso di denaro – e avrebbe avuto ripercussioni anche sulle aziende, che non avrebbero potuto assumere lavoratori specializzati che hanno studiato negli Stati Uniti.

Ogni anno 1 milione di studenti stranieri si iscrivono infatti nelle università americane, contribuendo con 41 miliardi di dollari all’economia del Paese e garantendo 458 mila posti di lavoro. La decisione si basava su una legge in vigore da quasi vent’anni, che obbliga gli stranieri con un visto studentesco a frequentare le lezioni di persona.

Il 13 marzo, durante l’emergenza, la regola era stata sospesa e le università avevano spostato l’insegnamento in rete. Il 6 luglio, però, il governo aveva annunciato che, per mantenere il visto, gli studenti avrebbero dovuto tornare in classe. «Se non studiano o lo fanno al 100% online, allora non hanno nessun motivo di stare qua», aveva spiegato il vice segretario alla Sicurezza interna Ken Cuccinelli. «Possono andare a casa e tornare quando le scuole riapriranno».

L’opposizione, partita da Harvard e M.I.T., ha coinvolto i procuratori generali di 20 stati, ha poi ricevuto il sostegno di Google, Facebook e Twitter ed è infine stata sposata anche da 15 parlamentari repubblicani, che hanno chiesto con una lettera all’amministrazione Trump di soprassedere.

Corriere della Sera, 15 luglio 2020 (Newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...