Il misterioso caso dei semi che migliaia di americani hanno ricevuto per posta durante l’estate in pacchetti spediti dalla Cina è arrivato a una svolta: nei giorni scorsi Amazon ha vietato, con effetto immediato, la vendita negli Stati Uniti di semi provenienti dall’estero, rispondendo alla richiesta di aiuto giunta dalle autorità federali.

Negli ultimi mesi, il ministero dell’Agricoltura americano aveva diramato l’allarme dopo aver ricevuto circa 20 mila denunce e raccolto 9 mila pacchetti spediti dalla Cina in tutti i 50 Stati americani, ma anche in Canada e in Regno Unito: finora ne hanno analizzati 2.500 senza rinvenire minacce per l’agricoltura, per l’ambiente o per l’ecosistema. Non contenevano semi di piante invasive né patogeni, come si era temuto, ma — ha spiegato un portavoce al Wall Street Journal — il ministero resta in stato di allerta.

Secondo le indagini si tratterebbe probabilmente di «brushing scam», una truffa informatica per cui i venditori pagano persone che ordinano i loro prodotti e spediscono a terzi (ignari) oggetti di poco valore — come i semi, dichiarando in etichetta gioielli o giocattoli — per poi lasciare false recensioni che agevolano gli affari del committente.

Durante l’estate il ministero dell’Agricoltura si è rivolto alle autorità cinesi per rintracciare i mittenti, ma a luglio il ministero degli Esteri di Pechino ha risposto che le etichette rinvenute sui pacchetti erano contraffatte: i funzionari americani hanno chiesto allora aiuto alle piattaforme di e-commerce, con cui collaborano da anni per assicurarsi che i venditori rispettino le normative federali sui prodotti agricoli, chiedendo di introdurre regole più restrittive. Amazon ha subito risposto, e durante il weekend ha rimosso tutti i venditori stranieri che spediscono – dall’estero, ma anche dagli Stati Uniti – in autonomia. Dal 30 settembre saranno sospese anche le vendite di coloro che si appoggiano ai magazzini del colosso di Seattle.

Corriere della Sera, 7 settembre 2020 (pag 15)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...