L‘influenza di un presidente del Paese si giudica (anche) da un particolare: quanti giudici della Corte Suprema riesce a nominare. Per questo, forti della maggioranza al Senato, i repubblicani bloccarono la nomina di Obama quattro anni fa e puntano ad approvare quella di Trump (che dovrebbe essere resa nota domani) quest’anno. Essendo a vita, infatti, la nomina di un giudice al massimo tribunale americano estende il potere di un presidente ben oltre la fine del suo mandato.

In media, i giudici americani restano in carica oltre 25 anni. Per questo, nell’ultima settimana, si è riaperto il dibattito sulla legittimità di un mandato a vita: tralasciando le rimostranze dei democratici, ovvie in questo momento, è interessante notare che anche giuristi conservatori — come Steven Calabresi, che ne ha scritto sul New York Times — propongano un limite di 18 anni, che permetta ai presidenti di nominare un giudice ogni 2 anni.

Innanzitutto, nota Calabresi, nessuna democrazia al mondo concede una nomina a vita ai giudici della propria Corte Suprema, senza prevedere almeno un limite di anzianità: il mandato più lungo, 12 anni, spetta a quelli tedeschi. Con un limite di 18 anni, invece, si bilancerebbe l’influenza dei presidenti: guardando alla storia, ad esempio, ce ne sono quattro che hanno nominato almeno sei giudici, e quattro che non ne hanno nominato neanche uno.

In questo modo, sostiene Calabresi (e non solo), si limiterebbe la politicizzazione delle nomine. È proprio cavalcando quest’onda — e sperando in buone notizie dalle urne — che i democratici la martedì prossimo presenteranno una proposta di legge che prevede per la prima volta l’introduzione di un mandato di 18 anni: a firmarlo sono il deputato californiano Ro Khanna, quello del Massachusetts Joe Kennedy III e quello della Virginia Don Beyer.

Corriere della Sera, 25 settembre 2020 (newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...