L’autobiografia di Barack Obama ha venduto 890 mila copie nelle prime 24 ore soltanto negli Stati Uniti e in Canada: è un record – almeno per il colosso dell’editoria Penguin Random House – che potrebbe permettere a «Una terra promessa» di diventare il memoir presidenziale più venduto della storia moderna.Dopo anni di prese in giro (benevole), l’ex presidente ha superato così anche la moglie Michelle, che aveva consegnato in tempo ed aveva ottenuto un successo planetario: nel 2018 la sua autobiografia «Becoming» riuscì a vendere 725 mila copie in Nord America nel primo giorno, arrivando poi a oltre 10 milioni in tutto il mondo.

Bill Clinton, con la sua autobiografia «My Life», arrivò a 400 mila copie (3,5 milioni totali), George W. Bush con «Decision Points» si fermò a 220 mila il primo giorno, toccando poi i 4 milioni. I numeri di Obama confermano tuttavia la scelta di Crown, il marchio di Penguin che le ha pubblicate e che nel 2016 si aggiudicò i due libri per circa 60 milioni di dollari. «Siamo entusiasti di questo primo giorno», ha commentato l’editore di Crown David Drake. «Le vendite riflettono l’entusiasmo diffuso che i lettori hanno mostrato per le anticipazioni di questo libro scritto straordinariamente bene».

Il record assoluto è tuttavia irraggiungibile: se lo conquistò nel 2007 l’ultimo libro della saga di Harry Potter – «Harry Potter e i doni della morte», il settimo libro pubblicato da J.K. Rowling – che riuscì a vendere 8 milioni di copie nelle prime 24 ore.

Corriere della Sera, 19 novembre 2020 (newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...