Tucker Carlson, il più seguito commentatore di Fox News, ha paragonato la versione americana del green pass alle leggi di segregazione razziale, ma intanto la rete televisiva conservatrice cha aumentato gli appelli affinché i telespettatori si vaccinino. Negli ultimi giorni sia Steve Doocy, conduttore dello show Fox & Friends, sia Sean Hannity, peso massimo del canale di Rupert Murdoch, hanno apertamente invitato a prendere il coronavirus seriamente, e a vaccinarsi. «Vi salva la vita», ha affermato ieri mattina Doocy, spiegando che le vittime americane ormai sono tutte non vaccinate e smentendo alcune delle teorie cospirative più comuni. «Credo nella scienza della vaccinazione», aveva detto il giorno precedente Hannity, amico e fidato consigliere di Donald Trump, in netta controtendenza rispetto ai mesi passati.

Le affermazioni delle due star, tuttavia, sono state prontamente bilanciate da altri interventi: a Doocy ha risposto il suo co-presentatore Brian Kilmeade, che ha invitato gli spettatori a «prendere la propria decisione»; a Hannity ha replicato Laura Ingraham, che nello show successivo al suo ha accusato i democratici di «voler eliminare qualsiasi opinione divergente sulla risposta al coronavirus». Insomma, Fox News — che da un anno e mezzo è criticata duramente per la sua copertura della pandemia — non è cambiata da un giorno all’altro, ma di certo ha cominciato a virare. Secondo Cnn e il New York Times, dietro questa svolta ci sarebbe anche la Casa Bianca, intervenuta per «neutralizzare un hub della resistenza vaccinale», come ha spiegato la rete televisiva di Atlanta che da tempo attacca la strategia senza scrupoli dei rivali.

L’amministrazione Biden — molto attenta a non criticare direttamente le scelte di Fox, per non inimicarsi gli spettatori — ha organizzato infatti in primavera un briefing informale con producer e giornalisti di Fox News e, ha confermato ieri in conferenza stampa la portavoce Jen Psaki, ha capito «l’importanza di raggiungere il pubblico di Fox per illustrare i benefici dei vaccini» e combattere lo scetticismo che ha fatto arenare la campagna. «Non consideriamo i vaccini una questione politica», ha spiegato. «Servono per mettere al sicuro gli americani». Gli incontri non hanno coinvolto tuttavia i vertici della rete televisiva: né Rupert Murdoch né il figlio Lachlan hanno preso parte ai briefing. «Abbiamo avuto un incontro a inizio maggio e il nostro personale di Washington è in contatto regolare con la Casa Bianca», ha chiarito Fox News in un comunicato.

A incentivare la svolta, però, potrebbe essere stata anche la variante Delta, come nel caso del deputato repubblicano Steve Scalise, house minority whip sopravvissuto all’attentato di qualche anno fa contro i membri del Congresso. Dopo aver rifiutato per mesi di vaccinarsi, il New Orleans Times-Picayune ha rivelato che il deputato della Louisiana domenica ha ricevuto la sua prima dose Pfizer e ha definito il siero «sicuro ed efficace». Era arrivato il momento giusto, ha detto Scalise al quotidiano locale. «Quando parli con le persone che dirigono gli ospedali, a New Orleans e in altri Stati, ti dicono che il 90 per cento della persone ricoverate con la variante Delta non era stato vaccinato. È un altro segnale che il vaccino funziona».

Corriere della Sera, 21 luglio 2021 (newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...