Gli alleati occidentali hanno inviato in Ucraina oltre 10 miliardi di euro in aiuti militari dall’inizio del conflitto: soltanto gli Stati Uniti hanno stanziato 8 miliardi fra Javelin, Stinger, Himars, droni, elicotteri e centinaia di migliaia di munizioni. Ora però i Paesi fornitori chiedono a Kiev di garantire un sistema di tracciamento delle attrezzature, rivela il Financial Times, o quantomeno di fornire un inventario delle armi arrivate sul campo di battaglia: il timore è che gruppi criminali possano portarle fuori dall’Ucraina e venderle di contrabbando sul mercato nero europeo. «Quando cesserà il fuoco, arriveranno le armi illegali», aveva avvertito a giugno Jürgen Stock, il capo dell’Interpol, l’agenzia che facilità lo scambio di informazioni fra le forze di polizia dei vari Paesi.

Anche l’Europol, che coordina la lotta internazionale alle organizzazioni criminali, ha confermato la minaccia. «L’aggressione russa ha portato alla proliferazione di armi ed esplosivi in Ucraina», ha spiegato l’agenzia di polizia europea in una nota ai governi. «All’inizio i funzionari ucraini mantenevano un registro delle armi fornite ai civili, ma questa pratica è stata abbandonata e, con il proseguo della guerra, sono state distribuite senza mantenere un archivio». Ora il governo ucraino ha accettato però di realizzare un sistema di tracciamento con l’aiuto degli alleati occidentali, per mantenere una visuale delle spedizioni: il controllo sarà affidato all’Eu Support Hub, appena lanciato in Moldavia perché — ha spiegato il capo ad interim di Frontex Aija Kalnaja — «è qui che si concentra l’attività di contrabbando».

Al momento, i pallet con le armi atterrano in Polonia, nella base di Rzeszow, e vengono trasferiti al confine ucraino, dove sono suddivisi in «pacchetti» più piccoli per attraversare la frontiera e raggiungere la destinazione finale a bordo di camion, furgoni e persino auto private che impediscono ai russi di intercettare i carichi. «Da lì in poi abbiamo un vuoto», ha spiegato una fonte europea al Financial Times. «Non conosciamo la posizione delle armi, non sappiamo dove vanno, dove vengono usate e neanche se restano nel Paese». La possibilità che quelle spedizioni finiscano nelle mani sbagliate non va esclusa. «Gli Stati Uniti si impegnano per proteggere le tecnologie di difesa di origine americana ed evitare che vengano dirottate in modo illecito», ha affermato a Bruxelles la sottosegretaria americana Bonnie Denise Jenkins, deputata al controllo delle armi e della sicurezza internazionale. «Abbiamo fiducia nell’impegno preso dal governo ucraino di proteggerle».

Secondo il consigliere della Difesa ucraina Yuriy Sak, ogni movimento delle armi all’interno o all’esterno del Paese — nel caso sia per esempio necessaria una riparazione — è monitorato con attenzione da Kiev e dagli alleati «Che l’Ucraina sia diventata un hub del contrabbando di armi non corrisponde alla realtà», afferma Sak, per il quale chi lo sostiene «potrebbe essere parte della guerra d’informazione russa per scoraggiare i partner internazionali». Tuttavia, sostiene la ministra della Difesa ceca Jana Cernochová, è difficile fermare il traffico illegale o il contrabbando di armi. «Non ci siamo riusciti nell’ex Jugoslavia, e probabilmente non ce la faremo neanche in Ucraina», ha spiegato nel weekend aggiungendo che, nonostante l’impegno dei «donatori», è impossibile seguire ogni singola attrezzatura.

È un rischio su cui si gioca anche una pericolosa battaglia di propaganda, come dimostra la storia di Victoria Spartz, prima deputata americana nata in Ucraina o in una ex repubblica sovietica, passata dall’essere un simbolo di impegno del Congresso all’inizio dell’operazione militare «speciale» alle accuse di diffondere disinformazione russa. La rappresentate repubblicana — e trumpiana — dell’Indiana, fra i primi a denunciare i crimini di guerra dell’Armata e a recarsi in Ucraina ad aprile, ha chiesto al presidente Biden di informare il parlamento americano su Andriy Yermak, capo dello staff di Zelensky considerato la seconda persona più importante del Paese, che Spartz accusa di corruzione e di aver sabotato alcune riforme per fare gli interessi del Cremlino.

«Dobbiamo essere sicuri che la nostra assistenza non finisca nelle mani delle persone sbagliate», ha affermato la deputata, a cui Kiev ha risposto intimandole di non diffondere propaganda e di non ostacolare i rifornimenti di armi americani. Pur senza rispondere direttamente, Yermak nega qualsiasi legame con il Cremlino ma Spartz ha infranto il codice d’onore in vigore in Ucraina dall’inizio della guerra: gli interessi personali e politici, dal 24 febbraio, sono stati sotterrati per non minare l’unità nazionale, ma le sue parole hanno provocato una crepa nel fronte interno della resistenza.

Corriere della Sera, 13 luglio 2022

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...