Il taccuino è dedicato alle vie infinite delle armi. Rotte sempre piene di sorprese, tra mosse dichiarate, altre nascoste, altre ancora ammesse con ritardo. Il sito Politico rilancia una tesi già sospettata da qualche osservatore: gli Stati Uniti potrebbero aver fornito a Kiev munizionamento Atacms, razzi sparati dagli Himars in grado di raggiungere bersagli a 300 chilometri di distanza. La linea ufficiale di Washington è nota: non li abbiamo mai dati per evitare che potessero essere usati contro il territorio russo. Quindi si sono limitati a ordigni con una gittata di 80 chilometri. Gli attacchi a ripetizione su basi e depositi in Crimea, però, sono andati ben oltre e questo ha fatto ipotizzare che in realtà gli Atacms siano arrivati in modo «coperto».

Non sarebbe una sorpresa. C’è un conflitto, esistono le considerazioni diplomatiche, c’è l’esigenza bellica. Un esperto, Thomas Theiner, ha analizzato le foto della base di Saki e ha sostenuto che i crateri con un diametro di 10-20 metri sono compatibili con quelli provocati dai razzi «allungati». Gli ucraini avrebbero anche mimetizzato con alcuni accorgimenti i lanciatori Himars proprio per non far capire che tipo di «proiettili» stanno usando. Siamo sempre negli scenari, con tanti dubbi e valutazioni per tecnici ma con una rilevanza «politica». Alcuni equipaggiamenti bellici incidono più di altri e in questa fase l’Ucraina non ha ripreso territori — non ne ha la forza —, tuttavia ha reso insicura la Crimea e fatto danni al nemico con ponti a rischio e linee logistiche rese più complicate.

Lentezze

Gli Usa avevano promesso l’invio dei droni-kamikaze Switchblade 600, adatti in chiave anti-tank. Solo che il pacchetto di appena 10 «pezzi» è slittato e forse sarà completato entro un mese. Un ritardo motivato dal fatto che non sono mai stati testati in condizioni operative reali e dunque richiedono un periodo di valutazione. Intanto gli americani hanno messo a disposizione la versione 300, con carica esplosiva più ridotta e un tempo di volo di 15 minuti contro i 40 dell’altro. Una «finestra» durante il quale il velivolo cerca il target. Altro sviluppo. La Slovacchia potrebbe passare agli ucraini 30 tank T-72 e ricevere in cambio dalla Germania una quindicina di più moderni Leopard 2. L’operazione doveva avvenire in giugno ma si è bloccata per contrasti.

Satelliti spia

Sapere cosa fa l’avversario è cruciale e lo è ancora di più se puoi sorvegliarlo a distanza. Per questo è importante l’accordo concluso dagli ucraini (attraverso la fondazione Serhiy Pritula) con la compagnia finlandese Iceye. La società che gestisce satelliti metterà a disposizione di Kiev immagini accurate con aggiornamenti ogni 2-3 ore. I loro «occhi» possono vedere in ogni condizione, anche in caso di cielo nuvoloso, e sono ritenuti piuttosto precisi. Nella battaglia di intelligence Kiev ha segnato punti a favore grazie alla collaborazione con quella occidentale e attraverso reti di comunicazione private, a cominciare dal network di Elon Musk. Non solo per scoprire la posizione dei reparti invasori ma anche per assistere i tiri dell’artiglieria e le incursioni in profondità.

La Turchia

La Turchia sta con tutti e con nessuno. Media con Putin, è in competizione con i russi in Siria e piazza i suoi prodotti militari in Ucraina. Ankara — ha scritto Defense News — ha venduto all’esercito di Zelensky una cinquantina di blindati Kirpi 1: servono per il trasporto della fanteria, possono essere dotati di mitragliatrice. Una nota: sono ormai tanti i modelli di corazzati in dotazione alla resistenza, mezzi d’origine diversa, con conseguenti problemi di manutenzione e pezzi di ricambio. Sempre i turchi hanno ceduto agli ucraini numerosi droni d’attacco TB2, velivoli protagonisti di raid. I russi ne hanno abbattuti diversi, però news trapelate da fonti aperte sottolineano la loro presenza.

Corriere della Sera, 23 agosto 2022

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...