Archivi categoria: blog

Giornalismo indipendente: raccontare attraverso i media

Questo è il video dell’altro panel a cui ho partecipato al Festival del Giornalismo di Perugia, insieme a Stefania Ulivi, giornalista del Corriere della Sera, e Lisa Biagiotti, bravissima documentarista newyorkese.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in blog

La prima presentazione de “L’ospite”

Il 27 aprile ho presentato il mio libro al Festival del Giornalismo di Perugia. La sala era gremita, c’erano tanti amici e tanti ragazzi che come me cercano di fare i giornalisti. E’ stato forse il momento più bello ed emozionante da quando ho iniziato a fare questo lavoro, un’ora che ha ripagato tutte le fatiche, gli sforzi, le ansie, i sacrifici e le giornate passate cercando di racimolare qualche spiccio per tirare avanti. Le persone da ringraziare sono tante, a cominciare da Arianna Ciccone che mi ha invitato a partecipare al festival, Serena Danna e Francesco Costa, con i quali sono felice di aver condiviso questo momento. Se avete un po’ di tempo da perdere, qua troverete la nostra chiacchierata. Come ha scritto Francesco: da Perugia, a Des Moines, a Perugia. E così via!
 

Lascia un commento

Archiviato in blog

Escursioni sugli Appalacchi

Mark Sanford è resuscitato. Ieri l’ex governatore della South Carolina ha vinto agevolmente le primarie repubblicane contro Curtis Bostic, ottenendo il 57% dei voti e la possibilità di conquistare un seggio alla Camera nell’elezione suppletiva di maggio. Sanford, che è già stato deputato per tre mandati dal 1994 al 2002, sfiderà Elizabeth Colbert Bush, sorella del comico Stephen e candidata del partito democratico.

Quattro anni fa Sanford era una figura in forte ascesa all’interno del partito repubblicano, tanto che si parlava di lui come un possibile candidato alla presidenza. Poi venne giugno, e per sei giorni non si ebbero notizie del governatore, scomparso nel nulla senza lasciare tracce. Incalzati dalla stampa, i membri dello staff prima lo difesero affermando che stava facendo escursioni sugli Appalacchi, poi furono costretti ad ammettere che effettivamente non avevano idea di dove si trovasse. Era a Buenos Aires dall’amante.

Sanford tornò in fretta e provò a difendersi. Atterrò ad Atlanta all’alba e disse all’unica giornalista presente di essere andato in Argentina da solo e di aver guidato lungo l’autostrada che costeggia l’oceano, una strada che in realtà non esiste. In serata, messo alle strette, ammise la relazione extraconiugale e sostenne di aver trovato l’anima gemella. Da un anno aveva una relazione con Maria, una donna argentina di 43 anni con due figli. La moglie Jenny lo lasciò poco dopo, ma Sanford non si dimise e riuscì a scampare all’impeachment. La sua carriera politica però ne uscì distrutta.

Oggi, quattro anni più tardi, l’ex governatore è fidanzato ufficialmente con Maria, ha rischiato di sfidare l’ex moglie Jenny alle primarie ed è pronto a tornare in Congresso. Secondo i sondaggi la corsa con Elizabeth Colbert Busch sarà un testa a testa.

Nel frattempo però “Hiking the Appalachians”, la scusa usata dal suo staff, è addirittura diventata un modo di dire in inglese, usato per indicare qualcuno che fugge per poter incontrare l’amante di nascosto.

Lascia un commento

Archiviato in blog