Se i giocatori di football e di calcio non staranno in piedi durante l’inno nazionale, il presidente Donald Trump non guarderà le loro partite. Lo ha dichiarato lui stesso su Twitter, rispondendo a due notizie arrivate nelle ultime settimane:

  • Prima il commissario della National Football League Roger Goodell ha affermato che la lega ha fatto un errore a non ascoltare i giocatori – ovvero Colin Kaepernick – che protestavano contro il razzismo sistemico degli Stati Uniti e la brutalità della polizia nei confronti dei neri.
  • Poi, nei giorni scorsi, la federazione calcistica statunitense ha annunciato con una nota che non avrebbe più impedito ai giocatori di inginocchiarsi durante l’inno nazionale, come fatto a partire dal 2017 con la capitana Megan Rapinoe.

Per entrambi gli sport si tratta di un notevole passo avanti rispetto alle rigide posizioni tenute per anni: dopo essersi inginocchiato per la prima volta nell’agosto 2016, Kaepernick è diventato un simbolo dei diritti civili ma è stato estromesso dalla lega e non gioca una partita dal gennaio 2017. A settembre di quell’anno, Trump disse anche che i proprietari delle franchigie avrebbero dovuto licenziare i giocatori che ne seguivano l’esempio. Fra gli sportivi che lo imitarono c’era anche Rapinoe, la prima bianca a inginocchiarsi, che nel frattempo è diventata un’icona globale dei diritti gay, ha perso la battaglia con la federazione sull’equità dei compensi e ha vinto un mondiale da protagonista.

Queste due notizie brevi raccontano il rapido cambiamento dell’opinione pubblica americana dopo la morte George Floyd, un esame di coscienza nazionale che ha persino riaperto a Kaepernick le porte della Nfl: negli ultimi giorni le voci di mercato su un suo imminente ritorno in campo sono infatti sempre più insistenti, così come gli editoriali che chiedono alla lega di dargli un’altra possibilità.

Corriere della Sera, 15 giugno 2020 (Newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...