Per fermare l’aumento del prezzo della benzina il presidente americano Joe Biden ha messo mano alle scorte strategiche di petrolio, rilasciando 50 milioni di barili. Anche il Canada è dovuto ricorrere alle sue scorte strategiche, ma di sciroppo d’acero: dalla federazione arriva il 73% di quello globale, un mercato rallentato quest’anno da un calo della produzione, dovuto a una primavera più breve e calda, e da un contemporaneo aumento dalla domanda, +36% in 12 mesi, causato dalla pandemia. Il Canada ha così deciso di rilasciare circa 22 mila tonnellate di sciroppo d’acero dalle sue scorte strategiche, la metà del totale. Non è la prima volta che le scorte nazionali sono a rischio: nel 2012 furono rubati dal magazzino 9.600 barili, per un valore di 18 milioni di dollari, ma circa due terzi della merce sparita fu ritrovata.

Corriere della Sera, 30 novembre 2021 (newsletter AmericaCina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...